12
Set2017

Come superare la timidezza per ottenere informazioni

Se sei una persona poco abituata a chiacchierare con la gente, e quindi una persona naturalmente timida, allora c’è poco da fare: devi cambiare atteggiamento! Devi cominciare ad aprirti al mondo e considerare il rapporto sociale come qualcosa di imprescindibile per ottenere informazioni.

Questo articolo è rivolto alle persone che fanno fatica a rapportarsi agli altri, che vedono il confronto sociale come qualcosa che crea di per sé imbarazzo, che si sentono a loro agio soltanto con la ristretta cerchia di amici o colleghi di lavoro.

Se vuoi diventare investigatore questa barriera deve essere superata in tutto e per tutto. Non è facile ma ti guiderò poco per volta, imparerai così a sovrastare le tue iniziali paure che, come vedrai, costituiscono ben poca cosa.

Prima però un piccolo appunto. Questo non è un manuale di psicologia e io non sono uno psichiatra: gli articoli che seguiranno non vogliono essere un metodo infallibile per superare la timidezza. Se sei afflitto da timidezza cronica e ogni situazione sociale ti blocca o crea in te panico allora consiglio di rivolgerti a un esperto, non c’è niente di male. I metodi che ti propongo hanno funzionato su di me e ho avuto modo di applicarli su altre persone, tra cui i miei collaboratori, con risultati soddisfacenti. In questi articoli ti darò del tu (non ti offendi vero?) perché preferisco essere diretto.

Ok, sei pronto? Bene, cominciamo!

Superare la timidezza significa banalmente DIVENTARE una persona per la quale non c’è NULLA DI MALE nello SCAMBIARE QUATTRO CHIACCHIERE CON CHIUNQUE.

Innanzitutto un piccolo consiglio preliminare. Mi rivolgo in questa circostanza soltanto a una specifica categoria di persone: coloro che si sentono soffocati dal loro gruppo di amici “storico”. Mi rivolgo a quelle persone che, nonostante abbiano trascorso momenti esaltanti insieme ai loro amici, capiscono che all’interno di quel gruppo non godono più di alcuna autorità e le cui opinioni, qualunque cosa dicano o facciano, vengono considerate sbagliate e non riescono proprio a far cambiare idea ai loro amici più cari.

Se all’interno del tuo gruppo di amici hai la fortuna di sentirti pienamente realizzato, se dentro di te percepisci che il gruppo ti vuole bene, allora il paragrafo che segue non fa per te e puoi passare direttamente a quello successivo.

Se invece appartieni alla prima categoria, allora ascoltami: se vuoi superare la timidezza e diventare una persona più sicura di te devi GUARDARE AVANTI. Il passato va lasciato alle spalle!

Lo so, è sempre difficile lasciare il passato alle spalle, dove possiedi mille ricordi meravigliosi. Ma se questo passato è d’intralcio allora devi LASCIARLO ANDARE.

All’interno di un gruppo di amici si instaurano delle dinamiche che è difficile (se non impossibile) cancellare. Le persone ci mettono pochi secondi a formarsi un’opinione di te e nel gruppo di amici storico ormai se la sono formata da un pezzo ed è praticamente impossibile fare in modo che cambino idea. Se hai perso l’autorità, difficilmente la riconquisterai. Quello che consiglio è parlare separatamente con tutti i componenti della compagnia e far loro notare che certi atteggiamenti non possono essere più tollerati, mantenendo sempre grande gentilezza e disponibilità al dialogo, dopodiché, se la situazione non cambia, abbandonare completamente il gruppo. Sembra una decisione drastica lo so, ma sono convinto che non può essere considerato un “amico” una persona che trascura i tuoi bisogni continuando a comportarsi nello stesso modo che ti ha fatto star male in passato, soprattutto dopo che vi siete confrontati faccia a faccia.

Bene, ora passiamo ad argomenti più divertenti e soprattutto utili al nostro lavoro di detective!

Ecco infatti, perché tutta questa storia sul migliorare la propria vita e superare la timidezza?? Il motivo è presto spiegato: per ottenere informazioni dalle persone devi risultare “affascinante” ai loro occhi, e per risultare affascinante devi fargli capire che tu DAI un alto valore alla TUA vita. E per far ciò non c’è niente di meglio che rendere la tua vita REALMENTE SODDISFACENTE E DI ALTO VALORE!

E’ vero che la persona che hai davanti è uno sconosciuto e quindi puoi mentire spudoratamente, ma se fingi di darti un alto valore prima o poi qualcuno se ne accorgerà e l’attacco non andrà a buon fine. Inoltre il nostro è un lavoro in cui ci ritroveremo spesso a mentire, perciò meno frottole riusciamo a raccontare meglio è, poiché risulteremmo più veritieri su tutto il resto.

Ma passiamo al discorso TIMIDEZZA.

Il detective deve ottenere informazioni dalle persone e non può farlo se è una persona abitualmente timida, insicura di sé, che non si azzarderebbe mai a chiacchierare con uno sconosciuto per timore di “disturbarlo”.

Per superare la timidezza e acquisire sicurezza in sé stessi è necessario possedere alcune abilità e mettere in pratica consigli che andrò ad illustrare nei prossimi articoli. Li elenco qua sotto e da settimana prossima li analizzeremo nel dettaglio.

Ecco cosa si deve fare:

  1. SUPERARE LE PROPRIE CREDENZE LIMITANTI (la zona di comfort, il giudizio degli altri, disturbare il prossimo, gli altri sono sicuri di se’ io invece no).
  2. CAMBIARE ATTEGGIAMENTO, MENTALITA’ E IMPARARE A PORSI NEI CONFRONTI DELL’INTERLOCUTORE ATTRAVERSO UNA POSTURA, GESTUALITA’ E TONO DI VOCE CORRETTI (modificare il linguaggio del corpo, smettere di vivere per compiacere gli altri, saper dire di no)
  3. MIGLIORARE REALMENTE LA PROPRIA VITA PER RENDERSI INTERESSANTI E ACQUISIRE AUTOSTIMA

Da settimana prossima analizzeremo nel dettaglio le 3 situazioni sopra descritte.

Leave your comment

Please enter your name.
Please enter comment.

Il Blog del Detective

Un blog che si rivolge a tutti gli appassionati di questo affascinante universo. Dedicato soprattutto a coloro che intendono seriamente intraprendere la professione di detective e farne uno stile di vita.

Leggi il nostro articolo di benvenuto
Clicca qui →

Ultimi articoli