06
Mag2020

Esercizi per migliorare l’improvvisazione

Saper intrattenere efficaci conversazioni con le persone dipende da una molteplicità di fattori.

Uno fra questi è la capacità di saper improvvisare.

Se vuoi “attrarre” un interlocutore, la conversazione deve essere divertente, originale, mai noiosa.

Trovare sempre qualcosa di originale da dire, specie se sei all’inizio, non risulterà sempre facile. Per questo, una delle doti principali del detective che vuole ottenere informazioni è la capacità di improvvisazione.

Sono convinto che il modo migliore per esercitare questa skill sia quello di andare sul campo e intrattenere quante più conversazioni con sconosciuti, specie del sesso opposto al tuo.

Ad ogni modo esistono alcuni esercizi che puoi fare, i quali aiutano enormemente la tua capacità di improvvisare, senza necessariamente praticare sul campo (cosa che, comunque, ti esorto a fare!).

Vediamoli insieme.

DIALOGO SU UNA PANCHINA

Questo esercizio è da praticare in due. Potete farlo mentre siete in appostamento (mi raccomando solo se siete esperti, non vorreste perdervi il vostro sorvegliato che esce di casa 😉 ) o dovunque vogliate.

Tu e il tuo collega immaginatevi di essere seduti su una panchina in un parco e di essere due amici che si conoscono da tempo. A questo punto dovete iniziare una conversazione che rispetti la seguente condizione: la prima lettera della frase di ciascuno di voi dovrà rispecchiare l’ordine dell’alfabeto. Il primo comincerà con una frase che inizia con la “A”, l’altro risponderà con una frase che inizia con la lettera “B” e così via.

 

Es.

 

Tu: Alessandro, ciao, come va?

Collega: Bene, grazie e tu?

Tu: Cavoli, alla grande?

Collega: Davvero? Come mai?

 

E così via

AL RISTORANTE

Medesimo esercizio del precedente, cambiando però “location”: le frasi quindi dovranno essere specifiche per un ristorante. In questo caso uno di voi sarà il cameriere, l’altro il cliente del ristorante.

DIVERSE VERSIONI DEGLI ESERCIZI PRECEDENTI

Riprendete le location degli esercizi precedenti (panchina del parco e ristorante) ma questa volta inventatevi un dialogo le cui frasi cominciano tutti con la stessa lettera, ognuna per ognuno di voi. Per esempio: tu inizierai una frase sempre con la lettera “R”, il tuo collega comincerà la frase sempre con la lettera “T”.

RACCONTARE UNA STORIA

Esercizio da eseguire in due. Uno di voi comincia un racconto e sospende la frase a metà, l’altro deve proseguire il racconto lasciando la sua frase a metà e permettendo all’altro di proseguire.

 

Tu: Un giorno un ragazzo decise di voler diventare investigatore…

Collega: .. non sapeva perché aveva scelto questa strada…

Tu: … ma credeva che sarebbe stata quella giusta…

DIALOGO SU UNA PANCHINA (seconda versione)

Medesimo esercizio che in precedenza. L’eccezione è che l’altra persona dovrà cominciare NECESSARIAMENTE il dialogo con l’ultima parola della frase precedente.

 

ES.

 

Tu: Ciao Luigi, come va?

Collega: Va male, mi fanno male i piedi.

Tu: Piedi nudi, il problema sono i piedi nudi, ieri in piscina camminavi senza ciabatte.

Collega: Ciabatte del cavolo, erano rotte, per quello non le ho messe.

Tu: messe nello zaino sì però! Che cavolo le hai portate a fare?

 

Insomma hai capito. Non preoccuparti se i dialoghi non avranno senso, l’importante è improvvisare qualcosa che abbia comunque un minimo di filo logico.

 

NOTA: Eseguire tutti gli esercizi senza pause, in simultanea. Se qualcuno di voi impiega più di 5 secondi a formulare una frase, l’esercizio deve essere sospeso e ripetuto dall’inizio.

Leave your comment

Please enter your name.
Please enter comment.

Il Blog del Detective

Un blog che si rivolge a tutti gli appassionati di questo affascinante universo. Dedicato soprattutto a coloro che intendono seriamente intraprendere la professione di detective e farne uno stile di vita.

Leggi il nostro articolo di benvenuto
Clicca qui →

Ultimi articoli