11
Apr2020

Inner Game nel mondo dell’investigazione

Ciao Detective,

oggi ti scrivo dal mio terrazzo (e non sai quanto ringrazio il cielo di avere un terrazzo in questo periodo), che sta rendendo la mia quarantena un po’ più sopportabile.

Andiamo a parlare di questo famoso “inner game” e rapportiamolo al nostro campo.

CHE COS’E’ L’INNER GAME

L’inner game è, come dire, il nostro sistema di credenze interne.

Si sente spesso dire dai fuffa-guru della crescita personale che grazie a un alto inner game potremo diventare più sicuri di noi stessi, affrontare la vita in maniera migliore e via dicendo.

Attenzione, non dico che queste cose non siano vere: effettivamente se miglioriamo il nostro inner game, ci sentiremo effettivamente “più forti”, “più preparati” ad affrontare situazioni che sono al di fuori della nostra zona di confort.

All’interno del blog ti ho insegnato a superare la timidezza, a diventare più sicuro di te, a superare l’ansia d’approccio: tutte cose che effettivamente aiutano a migliorare il tuo inner game, e a sentirti una persona migliore.

Effettivamente se, ad esempio, superi l’ansia di approcciare uno sconosciuto, vincerai una difficoltà che all’inizio ti sembrava insormontabile e questo di conseguenza ti porta a credere che, in un certo qual modo, sei in grado di superare le tue paure, di gettare il cuore oltre l’ostacolo, di riuscire laddove credevi di essere totalmente incapace, con conseguente crescita della tua autostima.

Ma dobbiamo affrontare il discorso in maniera più specifica e approfondita.

L’INNER GAME E’ SETTORIALE

Chiariamo una cosa che i guru della crescita personale non ti dicono: l’inner game è settoriale.

Parliamoci chiaro: se sei un chirurgo e ti ritrovi a dover affrontare un’operazione in sala operatoria il tuo inner-game sarà alto. Sei nel tuo campo, hai fatto anni di pratica e di studi, sai che l’operazione potrebbe andare male ma ti senti a tuo agio: sai di avere le competenze per fare la cosa giusta al momento giusto e, qualunque cosa accada, avrai fatto del tuo meglio.

Se noi chiediamo a questo chirurgo di affrontare un pedinamento per la prima volta, dopo avergli fatto lunghe lezioni di teoria, questo stesso soggetto, una volta sul campo, sarà terrorizzato. Dovrà pensare a mille cose: quando devo partire, quanto spazio devo lasciargli, si sta accorgendo e via dicendo. Stesso discorso se gli chiediamo di approcciare una ragazza che cammina per la strada. Questo soggetto potrà essere la persona più sicura di sé al mondo ma, senza pratica, non avrà la possibilità di diventare un campione dall’oggi al domani in un determinato campo.

E’ come se mi mettessero a sfidare un campione di boxe: posso anche sentire di essere una persona sicura, che da valore alla sua vita e a quello che fa, ma se devo combattere contro un boxeur di 90 kg mi cago sotto. Il mio inner game nella vita può essere alto, ma questo non mi permetterà di mettere al tappeto il nostro amico dei pesi massimi.

L’INNER GAME E’ STRETTAMENTE CORRELATO ALLA PRATICA

Ciò detto si evince chiaramente che, senza pratica, senza esercizio, senza una ripetizione costante di azioni, NESSUNO può essere pronto ad affrontare qualsiasi situazione, anche se sviluppa al meglio il suo inner game in quanto persona di valore.

Se oggi devo approcciare uno sconosciuto, in qualsiasi luogo e in qualsiasi situazione, il mio inner game sarà alto: la possibilità di giungere a un risultato sarà molto maggiore rispetto a quella di qualsiasi altra persona sicura di se’ o con fiducia nei propri mezzi. Proprio perché ho fatto pratica, anni di pratica e di esercizio. Conosco lo schema nella mia mente: so che se il mio interlocutore dice A, probabilmente dicendo B lo indurrò a rivelare C. Perché l’ho provato sulla mia pelle.

Il medesimo discorso vale se mi ritrovo ad affrontare un pedinamento: ci sono delle regole, so che se faccio un certo sorpasso, o transito in una determinata porzione, posso raggiungere un certo risultato.

Detto questo: l’esercizio deve essere costante. E’ inutile che approcci uno sconosciuto, superando lo scoglio di averci fatto un dialogo, soltanto perchè questo era particolarmente “disponibile”. Certo, hai superato te stesso, ma appena ti ritroverai di fronte a un soggetto difficile le tue certezze crolleranno, perchè non ti sarai esercitato abbastanza. Prima di essere considerati “esperti” bisognerà aver approcciato almeno 500 sconosciuti e aver ottenuto informazioni almeno dalla metà di loro.

E’ POSSIBILE MIGLIORARSI INNALZANDO L’INNER GAME?

La risposta è, ovviamente, sì! Fare azioni al di fuori della tua zona di confort ti migliorerà come persona, sempre e comunque.

E’ sufficiente innalzare la propria autostima o le proprie credenze interne per essere in grado di fare qualsiasi cosa al meglio? No! Senza pratica, senza esercizio non arriverai da nessuna parte.

Dico sempre ai miei collaboratori di non aspettare i servizi lavorativi per migliorare le proprie capacità. Mi chiedono di aiutargli a migliorare le loro capacità sociali nell’interagire con gli sconosciuti ma non vanno sul campo ad approcciare quando hanno del tempo libero.

Se vuoi diventare un serio investigatore devi praticare, anche da solo, anche al di fuori dell’orario lavorativo: solo così accumulerai l’esperienza sufficiente per sentirti “a tuo agio” in determinate situazioni.

Ricorda che un costante outer-game migliora AUTOMATICAMENTE l’inner-game.

2 Comments

  1. Ciao! Intanto complimenti per tutti i post che sono molto belli ed appassionanti. Ho 15 anni ed avrei delle domande, lo so che sono ancora “”piccolo”” per pensare al lavoro , ma sono molto confuso sul mio futuro. Avrei qualche domanda:
    1: che scuola hai fatto alle superiori? Hai dovuto tenere dei corsi per diventare investigatore per cose che non hai imparato a scuola (esempio: psicologia se hai fatto lo scientifico,…), Hai fatto un universitá?
    2: quanto guadagni circa (mi basterebbe sapere anche se guadagni bene, molto bene o normale), anche se per fare questo lavoro come hai detto l’importante è avere la passione e alcune foto, indipendentemente da quanto guadagni,
    Nel caso avessi già scritto tutto ciò in un altro post mi dispiace ma non sono riuscito a trovarlo perché mentre lo cercavo mi sono perso a leggere altri tuoi post.
    Il mio sogno sarebbe fare il tuo lavoro, ma diversamente da un normale investigatore avrei paura che a fare il “”capo”” di un agenzia di fallire o di non riuscire a controllare tutto bene.
    Grazie per l’eventuale attenzione, Enrico

    1. Ciao Enrico, ti faccio io i complimenti per avere una passione così a soli 15 anni.
      Allora, per quanto riguarda la scuola dell’obbligo non c’è nessuna particolare prerogativa, lo scientifico va benissimo (anch’io mi sono diplomato al liceo scientifico) e certamente frequentare un liceo piuttosto che un istituto tecnico aiuta.
      Per quanto riguarda l’università, se cerchi su internet, esistono percorsi specifici in criminologia e sicurezza (che ovviamente non trattano investigazione sul campo) in diverse università italiane. Ai tempi frequentai l’università in “scienze dell’investigazione”, un corso specifico che esisteva soltanto in Abruzzo (mi sono trasferito là per tre anni). Ad oggi puoi comunque trovare materie simili in vari corsi specialistici dopo la triennale: se vuoi frequentare un’università e vuoi aprire un’agenzia investigativa ti coniglio giurisprudenza (molto utile conoscere la legge per noi investigatori), se invece vuoi rimanere un collaboratore ad oggi non serve la laurea (ma ti consiglio vivamente di ottenere almeno una laurea triennale, frequentare un’università serve in generale nella vita).
      Se sei interessato ai guadagni e al mondo imprenditoriale che sta dietro a questa professione ti rimando a un mio prodotto, acquistabile da questa pagina: https://www.amazon.it/BUSINESS-AGENZIA-INVESTIGATIVA-DIVENTARE-INVESTIGATORE-ebook/dp/B07PBX46GQ
      Lì c’è tutto ciò che serve se vuoi diventare investigatore e si parla anche di guadagni 😉

Leave your comment

Please enter your name.
Please enter comment.

Il Blog del Detective

Un blog che si rivolge a tutti gli appassionati di questo affascinante universo. Dedicato soprattutto a coloro che intendono seriamente intraprendere la professione di detective e farne uno stile di vita.

Leggi il nostro articolo di benvenuto
Clicca qui →

Ultimi articoli