12
Mag2018

Mio figlio fa uso di droghe leggere? (parte I)

Una delle maggiori preoccupazioni dei genitori riguarda l’abuso di sostanze stupefacenti da parte del figlio minore.

Questo timore si traduce spesso in “indagine” sulle attività del ragazzo, inizialmente messa in atto dai genitori stessi e successivamente demandata ad un investigatore.

Un ragazzo che si avvicina al mondo degli stupefacenti inizierà facendo uso delle cosiddette droghe leggere, ovvero di marijuana e hashish.

Dopo l’articolo dedicato ai segnali che palesano l’abuso di sostanze psicotrope, ecco una mini-guida sulle droghe leggere, sperando di fare cosa gradita a tutti i genitori preoccupati per la salute dei loro figli.

Perché è importante rilevare gli indizi sul consumo della cannabis?

Saper leggere gli indizi dell’abuso di cannabinoidi è fondamentale quando si ha a che fare con un consumatore non sufficientemente maturo e consapevole, come può essere un figlio che non ha ancora raggiunto la maggiore età.

Questo, per molteplici ragioni:

  • Il figlio è minorenne, in tal caso la sostanza è considerata rischiosa per lo sviluppo cerebrale e fisico;
  • Ne fa un uso smodato per combustione (ovvero la fuma) e ciò è un fattore di rischio per patologie polmonari;
  • Ne acquista troppa, sperperando paghette/stipendi;
  • Ne fa un uso costante, ciò influisce negativamente sulla produttività scolastica/lavorativa;
  • La sostanza è “veicolo” di cattive frequentazioni;
  • Il ragazzo “mangia male”, ad orari irregolari o in modo eccessivo (l’uso di cannabinoidi genera appetito improvviso per alimenti grassi e/o dolci);
  • C’è il rischio che ne faccia uso prima di mettersi al volante (la cannabis rallenta i riflessi, pertanto può inficiare la capacità di guida).

Tutte queste buone ragioni conducono il genitore a verificare se il figlio abusi di hashish o marijuana. Laddove il ragazzo difficilmente ammetterà il suo utilizzo è bene munirsi delle conoscenze necessarie per rispondere al quesito che i genitori si pongono.

Come capire se mio figlio fa uso di cannabis?

Possiamo classificare gli indizi in tre distinte categorie:

  • Segni sulla persona;
  • Tracce fisiche nell’ambiente;
  • Elementi comportamentali
1. SEGNI SULLA PERSONA

Gli occhi rossi derivano dal fatto che uno dei principi attivi della cannabis è un vasodilatatore: i capillari si espandono risultando più visibili. Per questa ragione chi fa uso di cannabinoidi, dopo il consumo, avrà gli occhi arrossati.

L’odore di fumo è peculiare. Come accennato, il più delle volte la cannabis viene fumata. L’odore della sostanza, una volta bruciata, è meno persistente dell’aroma del tabacco ma dopo che il ragazzo ne avrà fatto uso odorerà di fumo in particolare su vestiti, bocca e dita della mano con cui fuma.

Piccoli fori su giacche o tute possono essere una caratteristica di dettaglio del fumatore di hashish. Nel caso dell’uso del cannabinoide in forma di hashish (che altro non è che il polline compattato dei fiori di cannabis) è possibile rilevare dei piccoli buchi sui vestiti, specialmente su giacche e tute acriliche o di stoffe molto sottili. Questo è dovuto al fatto che l’hashish per essere fumato va prima diviso in parti più piccole, in striscioline o piccoli granelli. Questi vengono poi mescolati al tabacco per inserire infine l’impasto in una cartina. A volte questi granelli non si carbonizzano completamente durante la fumata e cadono bollenti sugli indumenti del fumatore, provocando i tipici buchi sul vestiario. Questi fori si trovano di solito all’altezza del petto, del ventre e soprattutto delle cosce.

Per quanto concerne le tracce fisiche e gli elementi comportamentali indice dell’uso di cannabis si provvederà ad un approfondimento specifico nella seconda parte della guida.

Leave your comment

Please enter your name.
Please enter comment.

Il Blog del Detective

Un blog che si rivolge a tutti gli appassionati di questo affascinante universo. Dedicato soprattutto a coloro che intendono seriamente intraprendere la professione di detective e farne uno stile di vita.

Leggi il nostro articolo di benvenuto
Clicca qui →

Ultimi articoli