08
Mag2020

Scienza dell’osservazione e della deduzione

Ciao amici del Blog.

Ho notato che molti di voi sognano di ragionare alla Sherlock Holmes 😀

Avete presente i ragionamenti analitici del detective più famoso al mondo, il quale attraverso l’analisi di piccoli particolari perviene ad affermazioni di carattere generale? Ecco, oggi andremo a vedere proprio quello. Non solo oggi: ho deciso di aprire una nuova categoria che vi accompagnerà alla scoperta del metodo deduttivo, analizzato in tutto e per tutto.

ABDUZIONE, NON DEDUZIONE!

Innanzitutto una premessa: il caro Sherlock non faceva deduzioni.

Spero di non avervi sconvolto la vita ma, dal punto di vista tecnico, le “deduzione” del detective londinese non erano altro che abduzioni.

Vediamo, in breve, la differenza: con la deduzione si perviene, partendo da due dati ipotizzati come veri, a una conclusione inevitabile. Quindi in questo caso la premessa maggiore è certa, così come la premessa minore. Per fare un esempio: “queste due palline sono rosse”, “questo vaso è vuoto”… “se metto le due palline in questo vado e pesco: la pallina sarà necessariamente rossa”.

L’abduzione implica che la premessa generale sia vera, ma quella minore soltanto probabile, pertanto anche la conclusione risulterà soltanto probabile.

Sherlock Holmes partiva da dati osservabili ma le conclusioni logiche che ne derivavano avevano soltanto il grado della possibilità. E la possibilità poteva avere un grado più o meno alto di probabilità.

Come vi dico sempre, l’investigatore privato deve sempre affidarsi alla maggiore probabilità quando svolge la professione: in fin dei conti non facciamo altro che comportarci esattamente come il grande detective della Londra vittoriana 😀

COSA IMPARERAI

Ma è possibile ragionare come il grande detective?

Sì è possibile e all’interno di questa categoria ti insegnerò come fare.

Partiremo dagli atteggiamenti di base, comportamenti e modi di essere che devi assumere quotidianamente se vuoi imparare a ragionare in modo deduttivo.

Esploreremo il mondo della deduzione concentrandoci sui particolari dell’abbigliamento, delle mani, dei tratti fisici e dei segni particolari di una persona. Impareremo a dedurre, da questi, tratti psicologici e abitudinali del soggetto.

Imparerai a dedurre da una semplice fotografia di una stanza quanti più particolari possibili sull’inquilino.

Imparerai a riconoscere un ubriaco, un fumatore, una qualsiasi professione partendo semplicemente da tratti caratteristici. Scoprirai il rapporto esistente tra due persone senza nemmeno conoscerle.

Senza contare che riuscirai a “riconoscere” una bugia semplicemente osservando il linguaggio del corpo.

PRATICA ED ESERCIZIO

Come sai non sono uno che racconta per raccontare, perciò mettiamo subito le cose in chiaro: imparerai a fare ABDUZIONI! Ed essendo abduzioni, il grado di certezza non sarà totale. Ricorda: i risultati dei tuoi ragionamenti avranno soltanto il carattere della possibilità o della probabilità.

Ma ragionando in termini statistici vedrai che il più delle volte ci “azzeccherai”. In fondo è quello che faceva Sherlock: basandosi sulla propria esperienza abduceva fatti che il più delle volte si rivelavano veri. IL PIU’ DELLE VOLTE! Non sempre! Ed è esattamente quello che potrai fare tu se ti applicherai in tutti questi metodi.

E’ sufficiente studiare la teoria che ti insegno qui? Assolutamente no! Innanzitutto devi fare tue alcune routine, indispensabili per il metodo deduttivo, oltre a fare tanto tanto tanto esercizio e pratica sul campo: come per tutto il resto, sarà necessario esercitarsi.

Leave your comment

Please enter your name.
Please enter comment.

Il Blog del Detective

Un blog che si rivolge a tutti gli appassionati di questo affascinante universo. Dedicato soprattutto a coloro che intendono seriamente intraprendere la professione di detective e farne uno stile di vita.

Leggi il nostro articolo di benvenuto
Clicca qui →

Ultimi articoli