08
Giu2019

Spiare un telefono fisso

Il primo telefono fu inventato verso la fine del 1800. Da quel momento in poi, che ci creda o no, la tecnologia è rimasta pressoché la stessa. Certo, si sono susseguiti nuovi modelli, funzioni capaci di migliorare sempre più le conversazioni, ma il servizio di base è rimasto sempre il medesimo: una fitta serie di fili di rame che, partendo da centraline, si diramano verso ogni abitazione.

Il telefono fisso ad oggi riveste ancora una grande importanza, soprattutto in ambienti aziendali. In ambito domestico risulta ormai compassato anche se qualche famiglia lo conserva con una certa gelosia.

Ad ogni modo il telefono fisso, proprio perché ancora in voga nelle aziende, fa gola a parecchi hacker furbacchioni.

La solita premessa, prima di iniziare: quando si tratta di spionaggio non serve pensare immediatamente a chissà quali diabolici e complessi aggeggi tecnologici.

Delle volte per “hackerare” un sistema è sufficiente l’ingegno. Pensa ad esempio ai metodi per carpire la password d’accesso a un qualsiasi sito web cui è registrata una qualsiasi vittima: gli hacker, piuttosto che utilizzare metodi d’alta tecnologia, preferiscono farsi una chiacchierata con la vittima, magari durante un incontro “casuale” su un autobus e conoscere le sue abitudini. Grazie a ciò l’hacker saprà rispondere alla classica “domanda di sicurezza”, quella che alcuni siti propongono quando dimentichi la password. Ben lungi dall’essere un’ulteriore protezione al tuo account, la domanda di sicurezza è invece l’unico punto debole di un sistema siffatto: spesso infatti le domande sono così banali (nome di tua nonna, nome del tuo cane, anno di nascita) che è sufficiente trascorrere mezz’oretta in anagrafe per poter rispondere o, come già detto, chiacchierare amichevolmente con la vittima.

Occupiamoci allora di spionaggio vero e proprio e vediamo come sia possibile spiare un telefono fisso.

MICROREGISTRATORE

Il micro-registratore è un aggeggio che puoi acquistare su internet a meno di cinquanta euro. Trattasi di un registratore di piccole dimensioni, delle volte inferiori a una carta di credito. Grazie al micro registratore è possibile intercettare una telefonata da fisso mediante registrazione ambientale. Non dovrai infatti agganciare l’oggetto ad alcun filo.

E’ sufficiente entrare nella stanza ove ha sede il telefono che vuoi tenere sotto controllo, azionare la registrazione del tuo dispositivo, nascondere il micro-registratore e passare a riprenderlo successivamente.

Detta così la cosa appare semplice, ma si tratta di azioni ad alto rischio, non sempre è facile nascondere in modo opportuno il micro-registratore. Le possibilità che qualcuno lo scopra sono tangibili. Di solito si utilizza tale aggeggio durante operazioni di spionaggio industriale, quando la posta in gioco è alta. Certo nessuno ti vieta di nasconderlo nella camera della tua fidanzata, occhio però alle conseguenze (denuncia, arresto ecc.).

Utili i micro-registratori ad “attivazione vox” (attivazione vocale): una volta accesi, essi rimangono in stand-by fino a che il rumore ambientale non raggiunge una certa soglia. Quando qualcuno entra nella stanza e chiacchiera, il registratore si “accende” automaticamente ed avvia la registrazione. Ovviamente tali micro-registratori sono maggiormente idonei al controllo ambientale in quanto consumano poca batteria: potrai tenerli nascosti per diversi giorni senza il rischio che si scarichino. A differenza del primo tipo di registratore che, essendo sempre attivo, si spegnerà dopo mezza giornata.

Anche un telefono cellulare può essere usato come micro-registratore artigianale: è sufficiente impostare la “risposta automatica” e silenziare il telefono. Successivamente basterà nascondere il dispositivo nella medesima stanza ove è ubicato il fisso che vuoi monitorare, chiamare il numero della scheda telefonica inserita all’interno del cellulare, e il gioco è fatto! Fai attenzione ad utilizzare modelli vecchi, per evitare che lo schermo illuminato dei moderni smartphone possa farti scoprire.

MICRO-SPIA GSM

Tale aggeggio è del tutto simile a un micro-registratore, anche se raggiunge dimensioni davvero ridotte (della grandezza di una moneta per intenderci).

All’interno di una micro-spia GSM è inserita una normalissima scheda telefonica, con numero di telefono dedicato.

Sarà sufficiente chiamare quel numero mediante il tuo cellulare ed ecco che potrai ascoltare tutto ciò che accade nell’ambiente ove è posizionata la micro-spia, come una normale telefonata.

Logicamente quando l’aggeggio si attiva non emette alcun suono e non sprigiona alcuna luce. E’ totalmente anonimo, l’unica difficoltà è nasconderlo nel modo corretto.

Tali microspie GSM, possono essere acquistate per una cinquantina di euro su Amazon oppure in negozi specializzati versando qualche centinaia di euro.

MICRO-SPIE PROFESSIONALI

Aggeggi ad alta tecnologia che verranno trattati nei prossimi articoli 😀

Leave your comment

Please enter your name.
Please enter comment.

Il Blog del Detective

Un blog che si rivolge a tutti gli appassionati di questo affascinante universo. Dedicato soprattutto a coloro che intendono seriamente intraprendere la professione di detective e farne uno stile di vita.

Leggi il nostro articolo di benvenuto
Clicca qui →

Ultimi articoli