Faq generali

Non è possibile stabilire a priori il prezzo di un’indagine. Lo stesso varia a seconda della durata, del numero di operatori utilizzati, della difficoltà del servizio e delle spese sostenute per portare a termine il lavoro. Si consiglia di contattare l’Agenzia per ricevere un preventivo gratuito, consono alla specifica situazione.
Puoi contattarci chiamando l’utenza di rete fissa 02.99240894, inviare una mail all’indirizzo info@aenigmainvestigazioni.it oppure compilare l’apposito form contatti.
L’investigazione può essere richiesta soltanto per far valere un proprio diritto in sede giudiziaria (anche preventivamente) o su incarico di un difensore in riferimento ad un procedimento penale e non per mera curiosità.
All’atto del conferimento d’incarico è necessario fornire una fotocopia della carta d’identità o di qualunque altro documento di identificazione riconosciuto dallo Stato. Il conferimento d’incarico viene compilato preventivamente dal titolare dell’istituto investigativo, il Cliente dovrà soltanto apporre la propria firma.
Assolutamente NO! L’investigatore è tenuto ad accettare incarichi conferiti da persona identificata a mezzo di documento dello Stato, come previsto dall’art. 135 TULPS.
Assolutamente SÌ! Aenigma Investigazioni raccoglie prove da esibire in qualsiasi sede giudiziaria e stra-giudiziaria. Il report consegnato al termine dell’indagine potrà essere trasmesso a un giudice.
Assolutamente SÌ! E’ dovere dell’investigatore privato aggiornare il Cliente quando lo richiede. Saremo felicissimi di tenervi costantemente aggiornati sull’andamento dell’indagine.
Sì! L’investigatore privato è tenuto al segreto professionale, come gli avvocati.
Assolutamente SÌ! Qualora il report finale non dovesse bastare, saremo disponibilissimi a testimoniare in tribunale per difendere i vostri diritti.

L'investigatore e la legge

Assolutamente SÌ! Le investigazioni private sono tutelate dalla legge. E’ possibile dunque eseguire ricerche per conto di privati ma solo dopo che il Cliente ha conferito incarico all’investigatore, compilando uno specifico mandato.
Assolutamente NO! Indagare senza conferire incarico ad un professionista può comportare il rischio di incorrere in diversi reati, tra cui violazione della privacy e stalking.
Assolutamente NO! Soltanto gli organi di Polizia Giudiziaria possono acquisire i tabulati telefonici, previa richiesta al giudice competente.
Assolutamente NO! Soltanto gli organi di Polizia Giudiziaria possono procedere alle intercettazioni.
Possiamo però effettuare bonifiche sui vostri telefoni per permettervi di capire se siete sotto intercettazione.
Assolutamente SÌ! L’imprenditore può sorvegliare il proprio dipendente per mezzo di un’agenzia investigativa se sospetta che stia recando danno all’azienda. L’investigazione non potrà riguardare il mero controllo dell’attività lavorativa.
L’indagine difensiva è una disciplina introdotta nel nostro ordinamento dalla Legge 7 dicembre 2000 nr. 397. Permette al difensore di svolgere indagini, anche preventive, a supporto del proprio Cliente, avvalendosi di investigatori privati autorizzati. Non è possibile concordare l’indagine difensiva senza il consenso del legale poiché, per procedere, l’investigatore è vincolato al mandato firmato dall’avvocato.
Gli investigatori abusivi non dispongono di una sede dove ricevere Clienti. Diffidate da chi vi incontra per strada o propone di raggiungervi a casa (se non glielo avete chiesto voi).
L’investigatore abusivo non tiene affissa alla parete dell’ufficio la licenza prefettizia e la tabella delle operazioni e tariffe.
L’investigatore abusivo, al termine del servizio, non fornirà un report corredato da prove cine-fotografiche utilizzabile in qualsiasi sede giudiziaria e stra-giudiziaria.
I requisiti per diventare titolare di istituto investigativo sono disciplinati dal DM nr. 269/2010.

Per diventare titolari di istituto investigativo è necessario possedere diversi requisiti, tra cui:
• Una laurea almeno triennale in giurisprudenza, psicologia ad indirizzo forense, sociologia, scienze politiche, scienze dell’investigazione, economia o corsi di laurea equipollenti.
• Aver svolto attività lavorativa a carattere operativo per almeno un triennio presso un investigatore privato autorizzato da almeno cinque anni, in costanza di rapporto di lavoro dipendente, con esito positivo espressamente attestato dallo stesso investigatore.
• Aver partecipato a corsi di perfezionamento teorico-pratici in materia di investigazione privata

Per lavorare presso la nostra agenzia non servono particolari requisiti. I collaboratori vengono tutti addestrati all’interno dell’Organizzazione.

Altri dubbi?

Per qualsiasi altro dubbio o informazione, contattaci.
Rispondiamo in meno di 24 ore.